Anteprime

Non ditelo allo scrittore di Alice Basso

By Irene Pinamonti

May 15, 2017

Dal 18 maggio in libreria

Amatissima dalla stampa e dai lettori, con Non ditelo allo scrittore sta per tornare in libreria Alice Basso. Il suo nuovo romanzo, edito da Garzanti, ci trascina in un’altra avventura di Vani, ormai uno dei personaggi più amati dai lettori italiani. Dopo il successo de L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome e di Scrivere è un mestiere pericoloso, Alice Basso torna con la perfezione e l’originalità di uno stile che le ha portato l’ammirazione della stampa più autorevole. Non ditelo allo scrittore è una storia nuova, ma con le stesse caratteristiche imperdibili di sempre: libri, indagini, amore e una protagonista che diventerà come un’amica un po’ strana che non riuscirete più ad abbandonare.

Deve scrivere nell’ombra. I libri sono il suo rifugio. Perché loro hanno tutte le risposte.

A Vani basta notare un tic, una lieve flessione della voce, uno strano modo di camminare per sapere cosa c’è nella testa delle persone. Una empatia innata che Vani mal sopporta, visto il suo odio per qualunque essere vivente le stia intorno. Una capacità speciale che però è fondamentale nel suo mestiere. Perché Vani è una ghostwriter. Presta le sue parole ad autori che in realtà non hanno scritto i loro libri. Si mette nei loro panni. Un lavoro complicato di cui non può parlare con nessuno.

Solo il suo capo sa bene qual è ruolo di Vani nella casa editrice. E sa bene che il compito che le ha affidato è più di una sfida: deve scovare un suo simile, un altro ghostwriter che si cela dietro uno dei più importanti romanzi della letteratura italiana. Solo Vani può trovarlo, seguendo il suo intuito che non l’abbandona mai. Solo lei può farlo uscire dall’ombra. Ma per renderlo un comunicatore perfetto, lei che ama solo la compagnia dei suoi libri e veste sempre di nero, ha bisogno del fascino ammaliatore di Riccardo. Lo stesso scrittore che le ha spezzato il cuore, che ora è pronto a tutto per riconquistarla. Vani deve stare attenta a non lasciarsi incantare dai suoi gesti. Eppure ha ben altro a cui pensare. Il commissario Berganza, con cui collabora, è sicuro che lei sia l’unica a poter scoprire come un boss della malavita agli arresti domiciliari riesca comunque a guidare i suoi traffici. Come è sicuro che sia arrivato il momento di mettere tutte le carte in tavola con Vani. Con nessun’altra donna riuscirà mai a parlare di Chandler, Agatha Christie e Simenon come con lei. E quando la vita del commissario è in pericolo, Vani rischia tutto per salvarlo. Senza sapere come mai l’abbia fatto. Forse perché, come ha imparato leggendo La lettera scarlatta e Cyrano de Bergerac, ogni uomo aspira a qualcosa di più grande, che rompa ogni schema della razionalità e della logica.

«Ho finito di leggere Scrivere è un mestiere pericoloso, ed è bellissimo, mi hai emozionato. Spero ci sia un seguito.» – Donatella

«Una protagonista bizzarra che ha il dono di saper cogliere l’essenza di ogni persona.» – Chiara Moscardelli, TTL-La Stampa

«Berganza è il nostro guru, nostro intendo dei tuoi lettori. Ci manca tanto! Lo aspettiamo con ansia in una nuova avventura.» – Gabrio

«Alice Basso ha uno stile fresco e spontaneo.» – Roberta Scorranese, Sette-Corriere della Sera

Alice Basso è nata nel 1979 a Milano e ora vive in un ridente borgo medievale fuori Torino. Lavora per diverse case editrici come redattrice, traduttrice, valutatrice di proposte editoriali. Nel tempo libero finge di avere ancora vent’anni canta e scrive canzoni per un paio di rock band. Suona il sassofono, ama disegnare, cucina male, guida ancora peggio e di sport nemmeno a parlarne.