Categoria: bisegni

Recensione di Bisegni di Silvana Baroni e Luciana Gravina

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Il libro Bisegni, originale sia per il formato, più simile a un album da disegno che a un libro, sia per le pagine, vestite da segni-disegni più ingombranti della scrittura, non ha l’indice né la numerazione delle pagine, forse perché ogni pagina è inizio e fine, in quanto costituisce un pensiero compiuto su un singolare aspetto, su una particolare caratteristica del nostro modo di essere e di relazionarci con il passato e con il presente. Ne risulta una feroce riflessione sulla realtà osservata con occhi disincantati da due donne che raccontano di cose che parlano, evocano storie passate, uomini antichi, vite vissute… Finché non interviene la mano dell’uomo e allora quelle cose svaniscono, tacciono, si spengono. Muoiono per sempre. È ciò che leggiamo in Abatjour, in Angioletto, Il telefono bianco. O, come Il bisnonno Angelo e la Foto di famiglia, scivolano in “un’eternità inutile”.

libro-aperto

Approfondimento

Le due autrici definiscono i giovani d’oggi “Monadi plotiniane”, che attraverso Facebook vivono il tempo spiando gli altri. O, peggio ancora, scrivendo frasi vuote intrise di insulsaggini vanesie. Lo fanno in tantissimi e sempre più spesso, ogni volta che si fanno un selfie, sembrano ripetere la frase Specchio mio specchio… di una famosa fiaba. Si mettono in posa, si bloccano e click scattano il loro essere al mondo.

Nessun dialogo, scarse e superficiali le relazioni, dilaga la solitudine. Si brinda da soli, bevendo prima dalla destra e poi dalla sinistra. Il titolo Bisegni si riferisce, appunto, alla duplice visione espressa da Luciana Gravina, autrice del testo scritto, e da Silvana Baroni, autrice del testo grafico, dei disegni. Pur servendosi di codici diversi, danno voce all’identica amara riflessione sull’esistenza: il segno completa e si fonde con la parola, rivelando lo stesso sguardo quasi fosse opera di una sola artista. Breve e pungente la scrittura, lieve ed essenziale il segno. Veloce la lettura, profonde le riflessioni. Acuta e raffinata la presentazione di Paolo Guzzi, Convergenze parallele.

Il libro è un'edizione in tiratura limitata di 80 copie con firma autografa dell'editore.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!