Categoria: c.l. taylor

La ragazza in fuga di C.L. Taylor

 

Dal 6 luglio in libreria

Da un’autrice da 900 mila copie vendute solo in Inghilterra, arriva in libreria La ragazza in fuga, il nuovo romanzo di C.L. Taylor edito da Longanesi. Definito dal Sunday Express inquietante, mozzafiato e da brividi, La ragazza in fuga è un vero e proprio viaggio nella suspense.

Jo Blackmore sta per correre all’asilo a prendere sua figlia Elise quando una donna si avvicina alla macchina e le chiede un passaggio. Benché sia in lotta da anni con agorafobia e attacchi di panico, Jo decide di essere gentile. Una scelta che rimpiangerà pochi istanti dopo: la sconosciuta, infatti, la chiama per nome, dimostra di sapere chi è suo marito, Max, e ha con sé un guanto che sembra identico a uno di quelli della piccola Elise, di soli due anni. Liberatasi della donna, e in preda all’ansia, Jo corre a prendere Elise e torna a casa, cercando ripetutamente di contattare il marito, un giornalista investigativo del Bristol News. Purtroppo il loro matrimonio è in crisi, anche perché Max considera la moglie instabile e inaffidabile, tanto che non sembra credere alle sue parole riguardo all’aggressione e alle minacce della sconosciuta. Lo sgradevole incontro si trasforma da un giorno all’altro in un vero incubo e la polizia, i servizi sociali e perfino il marito voltano le spalle a Jo e iniziano a sospettare di lei. Nessuno le crede, quando dice che Elise è in pericolo. In un gioco di inganni in cui niente è come sembra, Jo sa che le resta un solo modo per proteggere sua figlia: la fuga.

Carol Louise Taylor, nata a Worcester, è autrice di racconti, pubblicati su riviste letterarie e femminili, che hanno vinto numerosi premi. Vive a Bristol con il compagno e il figlio. Con Longanesi ha pubblicato Il confine del silenzio (2015), il suo primo romanzo che ha ottenuto un grande successo di critica e di pubblico nel Regno Unito ed è stato pubblicato in tutta Europa,  e La ragazza senza ricordi (2016).

[amazon_link asins='B00WSYONYU,B01GERIDDI,B06Y1Q4VJV' template='ProductCarousel' store='leggacolo-21' marketplace='IT' link_id='3957b9e9-59e6-11e7-b4f0-ddb32cd3ecae']abc

Recensione di Il confine del silenzio di C.L. Taylor

Sue Jackson passa tutto il suo tempo in ospedale, al capezzale della giovane figlia Charlotte, in coma in seguito a un tragico incidente. Charlotte ha solo quindici anni, e nessuno sembra riuscire a spiegarsi come questa ragazza possa essere stata investita da un autobus, anche perché l'autista continua a dichiarare che la ragazza si sarebbe improvvisamente buttata in mezzo alla strada al sopraggiungere del mezzo. Allora le cose sembrano drasticamente cambiare, e comincia a farsi strada un'inquietante ipotesi: se non fosse stato un'incidente ma un tentativo di suicidio? Sue è convinta che Charlotte, a soli quindici anni, non avesse alcun motivo per volersi uccidere, e così comincia a cercare la verità partendo proprio dalla sua casa, e dopo aver rovistato tra le cose della figlia trova il suo diario e comincia a leggerlo. Tutto sembra confermare i normali problemi di un'adolescente, contrasti con i genitori, i primi batticuori, la voglia di sentirsi grandi insieme al proprio fidanzatino. Almeno fino all'ultima pagina.

Nascondere questo segreto mi sta uccidendo.

Una sola frase che spalanca le porte di un vero incubo per la povera Sue. Quale potrà mai essere il segreto che tanto tormentava Charlotte? Ecco che alla mente di Sue, già emotivamente piuttosto provata, si affacciano ipotesi che non vorrebbe neppure prendere in considerazione; una nuova amante del marito, morbose attenzioni di Brian proprio nei confronti di Charlotte, o il passato di Sue che torna a perseguitarla attraverso sua figlia? Con tutti questi interrogativi da svelare, riuscirà Sue a scoprire cosa sia veramente successo a Charlotte? E soprattutto riuscirà a dimostrare a chi le sta accanto in quale abisso di dolore li stia trascinando una mente folle, o l'unica ad essere considerata folle sarà proprio Sue?

Confesso che sono una lettrice particolarmente emotiva, e storie come quella de Il confine del silenzio mi coinvolgono sempre molto. Per questo motivo ho temuto seriamente di non riuscire a portare a termine la lettura, che definirei assolutamente sconvolgente. Il pensiero di trovarmi di fronte a una trama intrisa di dolore quasi mi bloccava, ma allo stesso tempo, essendo piuttosto testarda, il buon sangue calabrese in fondo non mente mai, ho continuato a scorrere, riga dopo riga, pagina dopo pagina, e come sempre posso confermarvi che la magia è avvenuta di nuovo. Di nuovo mi sono ritrovata catapultata al fianco della protagonista, provando sulla mia pelle le sue stesse emozioni.

Approfondimento

Lo stile di scrittura di C.L. Taylor è assolutamente pulito, preciso, evocativo e al tempo stesso scorrevole, tanto che si ha l'impressione di assistere veramente a ciò che si legge. Si è con Sue mentre si dispera per le condizioni di salute di sua figlia, mentre scopre le prime stranezze, una lite tra Charlotte e la sua migliore amica, o la figlia che di punto in bianco lascia il proprio fidanzato senza un reale motivo, ma anche nuove ambigue amicizie che ruotano intorno a questa giovane vita. Queste però non sono le uniche stranezze che sconvolgono il precario stato psichico di Sue, già provato dalla scoperta di una passata relazione extraconiugale del marito che ha rischiato di distruggere il suo matrimonio. Improvvisamente cominciano ad arrivare a casa di Sue degli strani pacchi regalo, con oggetti che sembrano riemergere da un passato che lei credeva sepolto da tempo, ed ecco che scopriamo l'inquietante figura di James, l'ex compagno di Sue, che in breve tempo da fidanzato modello si è tramutato quasi in aguzzino.

L'indignazione cresce, pagina dopo pagina, mentre sotto gli occhi del lettore si dispiega il passato di Sue e James, ma anche mentre Brian quasi si convince che la moglie stia semplicemente avendo un nuovo crollo psichico e quasi la obbliga a prendere le pillole che la psichiatra le aveva suggerito. Sue è davvero pazza, o forse è solo a un passo dalla resa dei conti con il proprio tormentato passato? Ogni personaggio che, nel bene e nel male, orbita intorno a Sue genera nel lettore un'istintiva emozione che difficilmente lo abbandonerà se non al termine del libro, e probabilmente questa è una delle più lampanti capacità di C.L. Taylor. Se poi si aggiunge la capacità di mantenere sempre alta la suspance e di saper dosare con maestria i colpi di scena, il gioco è assolutamente fatto e sarà impossibile interrompere questa trascinante lettura se non arrivando alla parola fine.

WonderLibraiaLettrice

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!