Categoria: caldo

Qui

Con la penna dei ricordi, qui, a portarli al presente, di quei caldi. Tutti i miei caldi persi e ritrovati. Quello non scelto del 16 Agosto 1983 alle due del mattino e quelli scelti di abbandonare il 9 Gennaio 2008. Il caldo di soli pungenti giorno su giorno che danno il sorriso e te lo fermano per 3/4 di un anno. La pelle pizzica, i piedi affondano nella sabbia bollente, il sale diventa la seconda pelle, la spiaggia è una famiglia a pranzo.

L’odore di resina tra i pineti, il tuo gusto del gelato che fa prima a finirti sulle dita che dove volevi, i caldi delle macchine in coda da mille ritorni, i finestrini abbassati che portano musica e risate, ancora maniche al vento, magliette bagnate e capelli raccolti, occhi pieni di blu, labbra asciutte senza fiato, labbra bagnate impegnate delle coppie tra onde infinite.

Soli, ancora soli, sui campi coltivati carichi di profumi, i gusti delle nostre tavole, le fatiche di piccoli uomini abbronzati per rinfrescare le verdure fino ai mercati. I filari d’uva che respirano solo alle 6 del mattino. L’odore dell’erba appena tagliata, le palme che dondolano, quel triste addio dei campi gialli bruciati. Le vele al vento, il mistero del mare nel buio, gli arrivi e le partenze nei porticcioli, lo scricchiolio delle funi, degli assi dei ponti in legno. Il maestrale che non lascia più niente in cielo. I gabbiani e il loro appetito. Il caldo di un calice di vino di montagna bevuto in compagnia. Il caldo sulle pareti dei ricordi del cuore.

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!