Categoria: capogiri

Capogiri e sorrisi

Se tiene la foto. Se ci tiene. Lì fermi incollati in quel mondo parallelo fatto solo di sorriso. Siamo in un capogiro da sempre. E quel che è da decidere, ci piaccia o no, è se farci il viaggio. Perché comodo non sarà. Vene, vortici, lacrime, guai seri, spalle, follie. Tutti da prendere in due o da chiudere come una matrioska in soffitta. Se usciamo dalla foto. Per sempre o per un bagno di occhi, di veli, di tempo sprecato. Forse bussiamoci più spesso sui perché dei silenzi. Forse non serve sempre giudicare le cose come sono e sentire che fanno male quel tanto che non si sopporta.

Rincorreremo tutta la vita l’essenziale, tagliando qua e là, dagli impegni ai sentimenti, senza averlo mai tra le mani. Ci sarà sempre chiasso a distrarci. Avremo sempre paura di perderci con le valigie destinazione speranza. E non ci fideremo sempre di noi. E vorremo fare progetti impossibili già in partenza. Ci sentiremo soli andando a lavoro. Avremo l’orgoglio da spegnere. Tempo da sacrificare con abnegazione. Avremo da non sentire gli altri. Da raddrizzarci i passi. Da togliere i fronzoli. Avremo il più e il meno come e quando e dove si decideranno loro. E si passerà sempre dalla cassa. Se tiene la foto. Se ci tiene. Qui in questo mondo parallelo fatto ancora di sorriso.

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!