Categoria: Carlo Bonini

Il corpo del reato di Carlo Bonini

Dal 24 novembre in libreria

Da oggi è in libreria Il corpo del reato, il libro-inchiesta del giornalista e scrittore Carlo Bonini edito da Feltrinelli. Un giovane uomo viene arrestato, prelevato dalla polizia. Scompare nei meandri degli apparati. Quando ne esce, è un cadavere martoriato. Stefano Cucchi è morto. Lo Stato che lo aveva preso in custodia ha restituito solo un cadavere. Ma questo cadavere può parlare. E tutti dobbiamo ascoltare. Il caso Cucchi. Il caso Regeni. Ma anche il caso Aldrovandi, il caso Uva, il caso Magherini. C'è qualcosa di spaventoso, qualcosa con cui nessuno vuole fare veramente i conti, nella storia di un giovane uomo che perde la vita mentre è nelle mani di chi dovrebbe tutelare la sicurezza di tutti. Carlo Bonini conosce tutti i più oscuri anfratti di quel sottobosco giudiziario, al confine tra crimine e repressione, legge e arbitrio, diritti inviolabili e circostanze fortuite, in cui maturano queste tragedie. Sono anni che indaga sulla morte di Cucchi: le carte dell'inchiesta, le parole dei familiari, le perizie e le controperizie. E ha deciso che è tempo di fare parlare quel cadavere, fargli raccontare quello che sa e che non avrebbero voluto che dicesse...

Un drogato di merda. Un diverso. Un Corpo a perdere. Uno di quelli di cui si dice, nel gergo di certi sbirri, che abbiano il nome all’anagrafe scritto a matita. Perché cancellarlo è un attimo. E nessuno verrà a reclamare.”

La morte di Stefano Cucchi è uno di quei fatti di cronaca che segnano una generazione e un pezzo di storia italiana. Perché vicenda simbolo, carica di significati pesantissimi: la violenza del Potere, la fragilità dello Stato di diritto, l’incapacità dello Stato italiano di fare i conti con le responsabilità dei suoi servitori, il pericolo che corre un ragazzo che finisce nelle mani di uomini che indossano la divisa di chi garantisce la nostra sicurezza o il camice bianco di chi tutela la nostra salute. Carlo Bonini, grande firma di “Repubblica” e autore di Acab e Suburra (insieme a Giancarlo De Cataldo), per sette anni ha seguito da vicino il caso Cucchi – attraverso la lettura di decine di migliaia di pagine di atti giudiziari, i colloqui con i familiari, lo studio delle perizie e controperizie medico-legali sulle cause della morte – e in questo libro, che è una vera e propria inchiesta civile raccontata con gli strumenti della narrazione più incalzante, mette al centro il testimone primo e ultimo della verità su quanto accaduto: Il corpo del reato. Il cadavere di Stefano. Che svelerà le tappe del suo calvario attraverso gli occhi e la scienza di un medico che, per una coincidenza precisa come un responso, sarà lo stesso chiamato a interpretare i segni delle torture inflitte a Giulio Regeni, trucidato in Egitto e intrappolato in una storia oscura, così diversa e così simile a quella di Stefano Cucchi. Perché è tempo di far parlare quel cadavere martoriato, di fargli raccontare quello che sa e che alcuni non avrebbero voluto che dicesse, e di spiegare a tutti noi, che forse non vorremmo ascoltare, quanto i nostri corpi siano alla mercé del Potere, dello Stato, della Storia.

Carlo Bonini è nato nel 1967 a Roma ed è inviato speciale del quotidiano “la Repubblica”, dove è arrivato dopo aver lavorato per “il manifesto” e “il Corriere della sera”. Ha pubblicato le due biografie La Toga Rossa (1998), storia del giudice Francesco Misiani e Il Fiore del Male, la vita di Renato Vallanzasca (1999), il reportage narrativo Guantánamo (2004), Il mercato della paura, scritto con Giuseppe D’Avanzo (2006), Acab. All Cops Are Bastards (2009) e con Giancarlo De Cataldo Suburra (2014) e La notte di Roma (2015). Per Feltrinelli, Il corpo del reato (2016).

abc

Recensione di Suburra di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini

È cominciata la guerra. Guerra di mafia. Perché le cose bisogna chiamarle con il loro nome.

Gli antichi romani definivano suburra un quartiere malfamato nonostante la posizione favorevole di monumenti, in cui a regnare era la criminalità. Il termine suburra vuole indicare l’involucro marcio che si nasconde dietro la patina d’accecante bellezza che in questo caso rappresenta la città di Roma, il verme che striscia all’interno della mela e che quando finalmente trova il modo di fuoriuscire, danneggia per sempre il frutto.

Non c’è da meravigliarsi, dunque, se, a distanza di dieci anni dal suo ultimo romanzo, Giancarlo De Cataldo trae fonte d’ispirazione da questa definizione per intitolare il suo nuovo volume elaborato a quattro mani con il supporto del giornalista Carlo Bonini. Suburra è un romanzo che affronta una delle tante realtà che esistono nelle nostre strade, è un grande faro puntato su ciò che viene ignorato pur accadendo sotto il nostro stesso naso ed è un evidenziatore che sottolinea quanto disperata sia oggigiorno la sete di potere.

Roma, 2011. La malavita della capitale è gestita da un uomo chiamato il Samurai: possiede una vasta cultura, ma non prende nessuna decisione senza prima bere una tazza di tè. Al di sotto del Samurai c’è la fitta ragnatela di malavitosi che segue gli ordini a ruota, finché un intoppo con effetto domino non isserà una guerra tra bande, le stesse bande protette dalle ali mortali del Samurai che si troverà costretto a fungere da paciere per realizzare il suo grande Progetto. Nemico numero uno del Samurai è il colonnello Marco Malatesta, un uomo determinato a mettere sottochiave tutto ciò che può essere collegato al leader in kimono e al tempo stesso dovrà seguire una scia di cadaveri che lo condurranno sempre più vicino all’obiettivo finale.

Suburra presenta dei protagonisti che senza i personaggi secondari non avrebbero così tanta efficacia. Eppure, il problema di questo romanzo sono proprio loro, i personaggi secondari. Cinquecento pagine in cui si accavallano così tanti individui, con le loro storie inesplorate o insoddisfatte, che il filo della trama si perde.

La guerra di mafia, gli scontri tra bande e la corruzione sia di chiesa che di stato rappresentano un tassello fondamentale della trama, capitanata dalla figura del Samurai. Uomo d’intelletto e di vasta cultura, il Samurai ha chi si sporca le mani per lui e non perché non abbia il coraggio di farlo (poiché lo ha dimostrato), semplicemente trova facilmente qualcuno che sia disposto a prendere il suo posto.

Il Samurai non era schiavo di niente e nessuno. Il Samurai non si lasciava controllare da niente e nessuno. Era lui a controllare ogni cosa. Era lui il padrone.

Suburra è un romanzo d’attualità e ciò si evince dall’accurata ricerca di dettagli effettuata dai due scrittori. Per poter comprendere appieno un mondo (e di conseguenza renderlo proprio in un testo) è necessaria una fase d’analisi e ricerca approfondita, elementi che non mancano assolutamente nel lavoro di De Cataldo e Bonini.

Approfondimento:

È sempre stato il tuo problema, Marco. Vuoi cambiare il mondo. Ma il mondo non si cambia. Si governa.

Suburra presenta due personaggi intesi come eroe e antagonista: Marco, il carabiniere, e il Samurai, leader della banda romana di criminali. Eppure, durante la lettura è facile cedere alla tentazione di credere che in entrambi i personaggi ci sia qualcosa di giusto e sbagliato al tempo stesso. È facile credere che Marco sia un uomo dal forte risentimento passato e dalla possibile corruzione nell’anima, così come è facile pensare che il Samurai sfrutti la propria furbizia per tenere sempre le proprie mani pulite e, di conseguenza, cedere a una sfumatura di buonismo. È facile pensare, soprattutto, a come siano simili questi due personaggi e non poter più distinguere chi sia l’eroe e chi l’antagonista. L’abilità degli scrittori sta nell’aver presentato differenti sfaccettature di un singolo personaggio che presto portano il lettore a chiedersi quale sia effettivamente quella predominante.

Suburra è una lotta al potere, in cui le pedine vengono schiacciate così in fretta da non essere neppure ricordate al termine della storia e di cui i vincitori trattengono in bocca l’amaro delle proprie azioni.

Cristina Migliaccio

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!