Categoria: Cenere

Recensione di Cenere di Yrsa Sigurðardóttir

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Il primo e unico indiziato di tutti quei cadaveri che dalle indagini della polizia e del medico legale risultano frutto di omicidio, è Markus, proprietario insieme alla sua famiglia, della casa e unico contrario agli scavi e alla rimozione della cenere.

La sua posizione si aggrava quando anche Alda, donna da lui sempre amata, viene trovata uccisa. Era l’unica che avrebbe potuto deporre in suo favore e scagionarlo. Gli inquirenti sono certi della colpevolezza di Markus; certa della sua innocenza è Tora avvocato incaricato della sua difesa. Ed è proprio lei, scrupolosa e meticolosa, a sollevare il velo di reticenze e omertà che vuole tenere nascosta una verità indicibile. Non sarà facile, le impedirà di dedicare del tempo ai suoi figli o al compagno che non vede da un bel po’.

È troppo impegnata ad incontri ravvicinati sia con una natura incontaminata e stupenda che l’autrice ci fa scoprire attraverso escursioni in barca tra le meravigliose isole Vestmannaeyjar di cui Heimaey è parte, e in macchina tra i panorami incontaminati di isole in cui la fa da padrone un vulcano malefico. L’altro incontro ravvicinato è con una serie di persone che non riescono a nascondere le ombre e gli scheletri nascosti nei propri armadi. Solo la paziente ricerca di Tora, l’intuito e la perspicacia della sua segretaria Bella, riescono a penetrare la coltre di nebbia che avvolge tutto e tutti, passato e presente delle due famiglie che sempre più appaiono come le più coinvolte nei fatti: la famiglia di Markus, soprattutto il vecchio padre, e la famiglia di Alda, in gioventù vittima di fatti più grandi di lei.

Alla fine, con un colpo di scena, le ombre scompariranno e la luce chiarirà innocenti e colpevoli.

Discreto il ritmo del romanzo che, forse, ne avrebbe guadagnato se fosse stato un po’ meno lungo.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!