Categoria: Colpo di fulmine

Recensione di Colpo di fulmine di Jenny McLachan

Entro nell'aula di arte drammatica con il cellulare in mano e tutti si girano subito a guardarmi. Ho questo effetto sulla gente della scuola. Mi illudo che dipenda dal mio splendido viso... ma probabilmente è per la mia reputazione. Ho fatto alcune cose in passato che le persone non sembrano disposte a dimenticare. Bè, che guardino pure. Mi piace. Sollevo il mento, sorrido e li fisso dritto negli occhi. E loro distolgono lo sguardo, uno dopo l'altro...

Pearl Harris è la ragazza più popolare della scuola, la classica leader che con il suo comportamento e i suoi modi, riesce a influenzare tutte le sue compagne. Ma è anche quella che risponde male ai professori e si fa espellere continuamente dalla classe per finire nell'ufficio della preside. Pearl ha anche un segreto da celare: le sue amiche non possono frequentare casa sua, dove vive con la madre separata, un cane, un acquario pieno di pesci tropicali e un fratello bullo.

Come ogni anno giunge il momento dei provini per il musical scolastico: quest'anno tocca a Romeo e Giulietta, per il quale Pearl vuole a tutti i costi la parte di Giulietta, dove avrà l'occasione di baciare Jack, il ragazzo che le piace.

Ma l'arrivo di Hoshi, una ragazza appena trasferitasi dal Giappone, sconvolge tutti i suoi piani: è lei a ottenere la parte di Giulietta grazie alle sue doti eccezionali di canto e ballo. Pearl decide allora di farle la guerra, fingendo di esserle amica ma dandole invece consigli sbagliati e facendole scherzi vari. Finché scopre che Hoshi non si è semplicemente trasferita dal padre, ma è fuggita dal Giappone e da un futuro di sicuro successo. È qui che comincia a piacerle davvero. Fino a che accadrà qualcosa che non aveva assolutamente messo in conto...

Colpo di fulmine è un romanzo perfetto da regalare a un adolescente. Jenny McLachan è un'insegnante di scuola superiore che, dalla sua lunga esperienza con i ragazzi, sa attingere con maestria portandone alla luce pregi e difetti, esagerazioni e fragilità. Questo fa sì che ci si possa immedesimare facilmente nei personaggi di Pearl, di Hoshi, facendo il tifo per l'una o per l'altra, fino al finale davvero inaspettato.

Lo stile è semplice e pulito, la narrazione scorre senza intoppi, i personaggi sono assolutamente credibili. Lo consiglio a ragazzi e ragazze dai 12 anni circa in su.

Una foto pubblicata da Leggere a Colori (@leggereacolori) in data:

Approfondimento

La scoperta di sé è il compito più difficile e affascinante nella vita di una persona, soprattutto di un'adolescente. Alzi la mano chi non si è mai sentito un “brutto anatroccolo”, chi non ha mai annaspato nello stagno della vita alla ricerca della sua vera identità.

Ma se a fianco ci sono gli amici, vecchi e nuovi, su cui contare, il percorso è più leggero, ci si prende sottobraccio e si comincia la salita. È successo a tutti, e succede anche a Pearl, che capisce, dopo un lungo vagare, che deve disfarsi della sua armatura e liberare la “perla rara” nascosta in se stessa. Se ci riuscirà, la sua vita cambierà per sempre. E, forse, la bad girl di un tempo resterà solo un ricordo.

Mary Plazzi

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!