Categoria: katherine pancol

Recensione di Muchachas 1 di Katherine Pancol

“Ci sono confidenze che solamente i corpi si scambiano. Un accordo segreto firmato da una pelle sull’altra.”

Stella riflette così sul suo strano legame con Adrian, il padre di suo figlio, un uomo che vede solo in segreto, solo quando tutti dormono, solo quando lei è libera di lasciare da parte i panni della donna forte, mascolina, che lavora in un ambiente virile, e di lasciarsi amare. Stella è dilaniata da dubbi e paure, rincorsa da una vita costellata dal dolore e dalla voglia di ottenere delle risposte, dalla necessità di salvare sua madre da un uomo violento.

Ma prima di Stella, in Muchchas 1 di Katherine Pancol, incontriamo la giovanissima e fragile Hortense, una stilista in erba che si scontra con l’egocentrismo del suo fidanzato Gary, un uomo impegnato a seguire le note della sua musica dimenticandosi della sua ragazza e iniziando a rivolgere lo sguardo verso Calypso, una compagna di studi di certo non bella ma, a quanto pare, misteriosa al punto giusto. E poi c’è Josèphine, una madre di famiglia, ma anche un’autrice e una donna impegnata nel proprio lavoro, che si divide tra Parigi e Londra: in Francia aiuta la figlia a vivere il suo primo amore, in Inghilterra cerca di non perdere il suo uomo e di riconquistare la felicità.

Le donne della Pancol sono così: complesse, fragili e forti allo stesso tempo. Sono come le donne vere e sono in grado di toccare le corde del cuore delle lettrici, ma anche dei lettori, con una semplice frase ad effetto, con un pensiero messo in un angolo e quasi abbandonato, con un’immagine che viene catturata dai loro occhi e che diventa espressione narrativa. Assomigliano a quelle ragazze che si potrebbero incontrare per strada, a quelle donne che fanno la spesa accanto a noi, alle nostre sorelle, madri e amiche. Solamente che nel romanzo il loro mistero viene svelato e le loro anime vengono mostrate a tutti.

Muchachas 1 non è solo il primo capitolo di una trilogia dedicata al mondo femminile, è anche una finestra aperta sul cuore delle donne, sulla loro capacità di coniugare aspetti differenti in una vita sola, di apparire diverse e di ritrovare dentro di sé la forza per conquistare i propri sogni, per ottenere l’amore, per cambiare l’esistenza degli altri ed anche la propria.

 
[instagram url=https://instagram.com/p/_MZXKzjz2e/ hidecaption=true width=330]
 

Approfondimento

Per quale motivo si dovrebbe leggere questo romanzo, e per quale motivo lo si potrebbe lasciare da parte? I tratti distintivi di Muchachas 1 sono, sicuramente, la scrittura scorrevole e la capacità, tutta dell’autrice, di inserire registri differenti in una sola pagina, a poche righe di distanza. Si può, quindi, leggere il monologo interiore di una Stella dilaniata dal dolore e poi iniziare a comprendere i pensieri di sua madre, la cui mente corre sul filo dei ricordi, legati al ritmo del metronomo che lei aziona senza sosta.

Allo stesso tempo, forse proprio per questo stile narrativo, ci si può a volte ritrovare a dover rifare “mente locale” per comprendere il punto e il momento nel quale si è giunti con la lettura, soprattutto nel caso in cui si sia scelto il formato elettronico, che in alcuni punti risente dell’impaginazione differente rispetto a quella dell’edizione cartacea.

Muchachas 1 è un libro adatto a uomini e donne, ma non consigliabile a tutti. Lo si potrebbe, infatti, regalare solo a coloro che abbiano la voglia di approfondire anche i propri sentimenti e che amino la suspense e la scoperta graduale dei “segreti di famiglia” che esistono un po’ nelle storie di tutti noi.

Stefania D’Ammicco

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!