Categoria: L’amore é servito

Recensione di L’amore é servito di Guido Bagatta

Dopo Wool, un libro che mi è particolarmente piaciuto, mi aspettavo di ricevere qualcosa di altrettanto coinvolgente dalla Fabbri. Così, quando il corriere mi ha portato il pacco, l’ho aperto trepidante ritrovandomi fra le mani L’amore é servito di Guido Bagatta.

Ora, tralasciando l’iniziale titubanza, ho scoperto che il romanzo non è da usare per accendere il camino, a patto che cerchiate una lettura davvero leggera, una di quelle che non impegnano, da utilizzare per passare il tempo mentre si aspetta il figlio che è impegnato col dentista. La storia parla di Andrea, un giornalista che si occupa di spettacolo e cinema, impegnato con un importante giornale milanese. Sui quaranta, un matrimonio naufragato alle spalle, una madre iperattiva nonostante l’età, è profondamente solo. Naturalmente come ogni single che si rispetti, è incapace di cucinare, a parte le uova al tegamino, cosa che lo porta a servirsi in un supermercato aperto 24 /24 dove compra cibi precotti.

Per quanto la storia sia scorrevole, è adatta a un consumo di massa, non mi ha entusiasmato. Andrea per esempio è un latin lover incredibile, magari parlo per gelosia, ma sembra impossibile che riesca ad aprire e chiudere una storia dietro l’altra solo schioccando le dita. Come personaggio certe volte è un po’ pesante, lo prendono in giro anche nel libro per questo. Dovrebbe essere l’archetipo dell’uomo di cultura che sa tutto, ma spesso risulta pedante senza nessuna brillantezza. Così le dinamiche procedono fra vari incontri amorosi e la misteriosa rubrica LoVatar, che il nostro protagonista deve gestire al posto della storica figura che fino a quel momento se ne prendeva cura. Il tutto consiste nel rispondere a varie lettere recanti dilemmi amorosi.

Per quanto possa essere adatto per riempire spazi vuoti di tempo, e questo l’ho già detto, L’Amore E’ Servito è un libro che dice e trasmette davvero poco. Lo vedrei bene in edicola, venduto con i vari ricettari scaturiti dagli ormai famosissimi programmi di cucina. Ecco, il problema è proprio questo, l’inganno multimediale di Facebook, Twitter, Youtube, Amazon, ma non solo, ti basta una videocamera e sei un cantante, scrivere due righe e sei scrittore e via dicendo.

Comunque per tornare al nostro testo, Andrea frequenta sempre più spesso il supermercato dove incontrerà Sophie, una cassiera di vent’anni più giovane che all’inizio lo guarda con ironia, insomma lui non è il suo tipo, poi una chiacchiera tira l’altra e alla fine… c’è bisogno che continui?

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!