Categoria: Compton Mackenzie

Donne pericolose di Compton Mackenzie

Da luglio in libreria

La bella stagione sta ormai volgendo al termine ma, tra le novità arrivate in libreria in questa calda estate, qualcosa è rimasto da recuperare e da portare con noi per il lungo inverno che ci aspetta. Dai ruggenti anni Venti, è tornato in Italia edito da Sonzogno un classico della letteratura saffica: Donne pericolose di Compton Mackenzie. In un romanzo che all’uscita fece scandalo, Mackenzie racconta il gineceo più ironico e anticonformista del primo Novecento. I monocoli e i cravattini delle sue deliziose maschiette animano una Capri mozzafiato, cui lo pseudonimo di Sirene non fa che donare l’ennesimo tocco di ellenica sensualità. «In questo paese» scriveva l’autore parlando del Regno Unito, «soffriamo ancora della convinzione puritana secondo cui le questioni di sesso, normali o anormali che siano, debbano essere sempre affrontate con serietà. Io credo, invece, che ridere sia la cura suprema per le inibizioni, per la repressione, per i complessi e per tutti gli altri problemi creati da una vita sessuale confusa.» Donne pericolose, pubblicato in Italia nel 1946 e oggi riproposto in una nuova traduzione, è un invito a ridere (e a commuoversi) insieme a un gruppo di eroine straordinarie, godendo delle gioie e dei tormenti di un amore che o è libero o non è.

«Credo che il mio amore vada oltre l'amore comune, che riguardi la creazione e non la procreazione, e per questo mi considero privilegiata di essere fatta come sono fatta. mi considero una prova vivente del progresso, non un mostro. Sono convinta che in futuro tutto l'amore sarà omosessuale.»

Sull’isola di Sirene, al largo del golfo di Napoli, la Grande guerra è solo un’opprimente nuvola grigia, un’eco lontana che minaccia di rendere più triste l’estate. Per questo Rosalba Donsante, eccentrica ereditiera svizzera con la passione per gli abiti da uomo, ci va tutti gli anni: è l’unico luogo al mondo in cui il suo profilo greco e i suoi capelli di bronzo possono continuare a risplendere sotto gli occhi di autentici cultori della bellezza. O sarebbe meglio dire cultrici, perché tra Aurora, Giulia, Hermina, Cléo, Janet, Olimpia e tutte le altre signore e signorine che a Sirene volteggiano intorno a Rosalba, di sguardi virili se ne colgono pochi. Queste figlie dell’aristocrazia europea più emancipata invadono ville e alberghi con una malizia nuova, distante dai costumi di una società ottusa come dagli orrori del conflitto mondiale. I loro baci, le danze, i pettegolezzi, i capricci, gli scambi di coppia, le gelosie incrociate diventano vezzi in grado di scardinare, in anticipo sui tempi, qualunque pregiudizio sull’omosessualità.

«Siamo appena tornati da Capri, dove ho passato metà di una notte a parlare con il mio vecchio idolo, Compton Mackenzie.» - Francis Scott Fitzgerald

«Mackenzie è di gran lunga l'autore più talentuoso della sua generazione.» - Henry James

Compton Mackenzie (1883-1972), scrittore scozzese, ebbe una vita movimentata (fu anche agente dell’MI6, il servizio segreto britannico) e pubblicò più di novanta libri.

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!