Categoria: L’oscurità della notte

Recensione di L’oscurità della notte di Jeaniene Frost

Nei miei trent’anni su questa terra avevo già visto e fatto più di tante persone nell’arco di una vita intera, ma non sarei mai arrivata fino a questo punto se non fosse stato per l’amore. Era stato il terreno solido sotto i miei piedi quando tutto il resto intorno a me era crollato e, nonostante il pericolo e l’incertezza che si prospettavano in futuro, sapevo che sarebbe stato sempre così.

L'oscurità della notte è l’ultimo della saga di Night Huntress. I protagonisti, Bones e Cat, sono di nuovo chiamati a combattere in nome della giustizia per salvare i loro amici nonché sudditi e “figli” vampireschi di Bones.

Pur non avendo letto i libri precedenti, la mia lettura non è stata macchiata da questa mancanza. La storia raccontata è sicuramente legata ad avvenimenti passati ma non è subordinata a essi. In questo testo Jeaniene Frost ci racconta di come i fantasmi del passato di Cat (fantasmi nel vero senso della parola) si manifestino per ricordarle quanto l’animo umano e la sete di vendetta possano essere feroci e senza scrupoli. Madigan, una vecchia conoscenza per chi conosce la saga, si scopre ancora invischiato in un progetto a dir poco crudele che prevede la creazione di un essere sovrannaturale a metà strada tra un vampiro, un ghoul e un umano. Per fare ciò, il vecchio e buon Madigan ha continuato per anni a fare degli esperimenti genetici in un bunker sottoterra finanziato da un uomo misterioso di cui non si riescono a capire gli intenti. I protagonisti sono ignari di tutto ciò finché non si insinua in loro la preoccupazione e il timore per la vita di Tate, Cooper, Juan e Dave.

Ricco di suspense e di colpi di scena, L'oscurità della notte, entra di diritto nella classifica dei fantasy più amati di sempre. Non mancano combattimenti e forti scene di passione tipiche dei racconti vampireschi che tanto vanno di moda negli ultimi anni ma questo testo riesce in qualche modo a non essere banale o prevedibile. Devo ammettere che spesso sono arrivata alla conclusione di un evento un pochino prima della nostra amata Cat ma la perdono perché lei in quei momenti era mezza morta o stava per uccidere qualcuno.

Non ci sono palesi insegnamenti di vita, non ci sono molte citazioni che ci verrebbe voglia di trascrivere sulla nostra agendina, ma L'oscurità della notte ci da tutto quello che ci aspettiamo da lui e ci accompagna in una narrazione che non da mai spazio alla noia in una giostra di emozioni.

Approfondimento

Durante la lettura del libro, è stato per me quasi immediato il paragone con la saga di Twilight. Non me ne vogliate, ma ho visto alcuni tratti simili a quest’ultimo, anche se credo che siano caratteristiche tipiche del genere fantasy-vampiresco. I personaggi comunque sono molto forti, appassionati e sono spinti sempre da sentimenti sinceri nei confronti dei loro cari. Pur essendo un po’ fuori dal normale, i loro legami sono fortissimi. Mi è piaciuto molto soprattutto il personaggio di Cat poiché l’ho trovata molto “umana” nei suoi ragionamenti, a differenza di Bones o di altri che dimostravano molto la loro sovrumanità, anche dal punto di vista intellettuale.

Per quanto riguarda lo stile di scrittura, devo dire che mi è piaciuto. L’ho trovato accattivante e mi ha dato ogni volta la spinta giusta per continuare. Ho letto le ultime 150 pagine in un paio d’ore proprio perché non riuscivo a staccarmene e volevo sapere cosa sarebbe successo dopo.

In definitiva, anche se il punteggio pieno non è stato raggiunto, è un libro che consiglio.

Teresa Russo

[amazon_link asins='B01GRX2O2K,B00DUENOH4,8834722701,B00KDCR8A0,B01GS65CD4,B00DUW2KLM,8834717937' template='ProductCarousel' store='leggacolo-21' marketplace='IT' link_id='9c9f246e-b8a1-11e7-b998-41f0c10e1505']abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!