Categoria: Carve the Mark

Recensione di Carve the Mark. I predestinati di Veronica Roth

Era come se mi conoscesse, come se sapesse qual era l’unica cosa che poteva dire per tentarmi. Non era il sollievo dal dolore che desideravo sopra ogni altra cosa, ma l’indipendenza.

Akos abita con la sua famiglia su Thuvhe, il pianeta di ghiaccio. Figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo, Akos sa di appartenere al gruppo dei predestinati: coloro cui la vita non ha semplicemente assegnato un futuro ma un fato, un destino che dovrà necessariamente compiersi.

La sua quotidianità viene bruscamente interrotta dall’incursione nella sua casa di alcuni soldati che dopo aver ucciso il padre, lo rapiscono insieme al fratello Eijeh. Mandante del rapimento è il tiranno Ryzek, Signore di Shotet e fratello della giovane Cyra. Cosa può aver spinto uno spietato dittatore a voler rapire due giovani ragazzi, uno dei quali ancora bambino? I loro fati. Il destino di Akos è, infatti, quello di morire al servizio dei Noavek, la famiglia cui appartiene Ryzek. Ad attendere Eijeh è invece una vita da oracolo, con la conseguente capacità di vedere gli eventi futuri prima che questi diventino reali. Trasportato a Shotet, Akos incontra Cyra, il cui donocorrente (di cui Ryzek non esita a servirsi con brutalità e cinismo) consiste in un potere capace di provocare dolore sia su di sé che sugli altri. Solo Akos sembra esserne immune e capace, al contrario, di portare sollievo alla giovane Cyra con il tocco delle sue mani. Mentre la ragazza non può negare di avere bisogno della presenza di Akos, lui le chiede di insegnargli a combattere per poter liberare il fratello Eijeh. Così, mentre intorno a loro continua a farsi spazio un clima di violenza, intrighi e vendette, Akos e Cyra iniziano a conoscersi scoprendo che ad essere compatibili non sono solo i loro donicorrente ma le loro stesse vite.

Con una storia scritta seguendo le vicende dei protagonisti di I predestinati da due distinte angolazioni, Veronica Roth mostra al lettore le diverse sfaccettature dell’animo umano: i timori, i desideri e i tanti dubbi con cui ognuno di noi deve imparare a confrontarsi. In questo modo, il pianeta-nazione di Thuvhe (diversissimo da una qualsiasi delle nostre città), appare popolato da uomini e donne nei quali è possibile rispecchiarsi, riconoscendo in loro qualcosa del nostro stesso modo di sentire la vita.

Approfondimento

Primo capitolo della nuova saga Carve the mark della scrittrice statunitense, I predestinati è una storia che regala al lettore la possibilità di seguire le vicende soffermandosi su aspetti diversi e su distinte chiavi di lettura. Da un lato, infatti, sarebbe interessante osservare anche solo il macrocosmo che la Roth ha immaginato, fatto di navi spaziali grandi quanto una città, di donicorrente, pozioni, oracoli, combattimenti nelle arene…, uno strano Universo cui il lettore si abitua gradualmente, imparando a conoscerne nomi, usanze e caratteristiche. C’è poi un secondo aspetto che riveste una grande importanza all’interno del romanzo: la presenza del dolore. Quello stesso dolore con cui Cyra deve convivere. Quel dolore con cui è stata costretta a identificarsi. Ma Cyra è più di tutto questo. È più del dolore che sente e che provoca. È una persona il cui valore non può essere quantificato. Una persona che sente il dolore ma che, non per questo, coincide con esso.

A nascondersi dietro il personaggio di Cyra è uno straordinario messaggio di speranza rivolto, come scrive l’autrice stessa, “a tutte le donne che soffrono di dolori cronici”. Un messaggio vitale che conferisce un essenziale valore aggiunto all’intero romanzo.

abc

Carve the Mark di Veronica Roth

In libreria dal 17 gennaio 2017

Un nome: Veronica Roth. Un titolo: Carve the Mark. Una data: 17 gennaio 2017. In piena estate potrebbe essere un po’ triste pensare ai freddi mesi invernali, a meno che non ci sia qualcosa che ci faccia trepidare, già da adesso, in attesa di gennaio… Ed è così se si viene a sapere che Carve the mark, il nuovo romanzo dell'acclamata autrice della serie bestseller DivergentVeronica Roth, uscirà in contemporanea mondiale a gennaio 2017, pubblicato in Italia per Mondadori.

L’autrice che con Divergent, dal 2011, ha venduto in tutto il mondo 35 milioni di copie, torna in libreria con Carve the Mark, il primo romanzo di una nuova serie composta da due libri e tradotta in trentatré lingue. L’uscita del secondo volume è prevista per il 2018. Veronica Roth annuncia così l’arrivo del suo nuovo romanzo: “Carve the Mark nasce da un’idea che ho cominciato a scrivere quando avevo dodici anni ma che non riuscivo a portare a termine. Volevo raccontare la storia di un ragazzino che è stato rapito e che scopre di sentirsi a suo agio più nel posto in cui lo hanno portato che a casa propria. Mi spiego: che cosa fai se avverti un’affinità proprio con gli acerrimi nemici del tuo popolo? Come ti fa sentire questo? La storia nel frattempo è cambiata ma il nucleo della trama è ancora lo stesso. Carve the Mark differisce da Divergent per molti aspetti: anzitutto non riguarda delle persone buone che fanno la cosa giusta per salvare il mondo, piuttosto della gente disperata disposta a fare qualsiasi cosa per ottenere ciò che vuole. Il problema è capire che cosa vogliono. Carve the Mark è anche ambientato in un universo molto esteso, con una storia complessa, lingue diverse e fenomeni misteriosi. Non ha la dimensione claustrofobica delle ambientazioni distopiche e non assomiglia per nulla al nostro mondo.

Veronica Roth parla anche dell’emozione di essere pubblicata contemporaneamente in trentatré lingue diverse: “Sono emozionata e anche un po’ spaventata. Sono stata in tour due volte lo scorso anno, quindi ho visitato alcuni dei Paesi dove Carve the Mark verrà pubblicato e questo significa molto per me: ora conosco i lettori, gli editori, i librai e persino gli scaffali. E’ tutto molto concreto e reale. E ci sono delle parti di Carve the Mark che riguardano proprio l’importanza della lingua madre per le persone: infatti, anche se si parla o legge correttamente un’altra lingua, non sarà mai paragonabile alla propria. Proprio per questo motivo sono convinta che sia più che mai significativo il fatto che questo romanzo venga tradotto in trentatré lingue.

Veronica Roth (New York, 19 agosto 1988) è una scrittrice statunitense. Si è laureata in scrittura creativa presso la Northwestern University e ha esordito giovanissima con il bestseller Divergent, rubando il tempo agli esami. Ora vive a Chicago e fa la scrittrice a tempo pieno. Divergent è il suo romanzo d’esordio pubblicato negli Stati Uniti nel 2011, ed è rimasto nella top ten dei libri più venduti per tre mesi consecutivi. Il 17 gennaio 2017 è attesa l’uscita in contemporanea mondiale del suo nuovo romanzo, Carve the Mark, pubblicato in Italia da Mondadori.

abc
INSTAGRAM
In lettura...
Un nuovo libro al giorno sui social: seguici!